Mafia a Roma e l’Italia scivola in BBB+: un derating annunciato

7 Dic

Se nella capitale di uno Stato, le forze dell’ordine incriminano o arrestano in un colpo solo per associazione mafiosa centinaia di persone del mondo della politica e del parastato, ce ne sono di motivi per i quali le agenzie di rating vadano a dubitare della bontà di conti e prospettive.

Specialmente se negli ultimi due o tre anni s’era smantellato mezzo consiglio regionale e comunale con altre inchiaeste e soprattutto se quel che viene fuori è un desolante quadro di risorse ingenti sottratte al welfare per alimentare la pochezza delal politica e l’inefficienza dell’amministrazione e se il sindaco che doveva dimettersi – giorni fa – per inconcludenza manifesta nel risanamento finanziario di Roma, ci tocca, oggi, di trattenerlo al suo posto che alternativa non ve ne è … per non parlare delle ombre che ormai avvolgono le Coop e tutto un sistema di governo, ministri e deputati inclusi.

I perchè di un derating infamante sono ancor più  chiari , se pensiamo che 24 ore prima si era addirittura derogato alle barriere poste da Elsa Fornero ai prepensionamenti, salvando l’unica infrastruttura siderurgica di cui l’Italia bisogno non ha, quella di Terni, lontana dal mare, dai trasporti e dalle metropoli, tanto cara alla CGIL ed a Landini, ma solo quella e per tutti gli altri nulla e poi nulla.

Nulla come questo scorcio di governo con Matteo Renzi premier: in sette mesi sono un Job Act approvato, ma privo di tutte le norme correlate, e la premessa di una riforma elettorale, che innanzitutto il suo stesso partito osteggia.
Non c’è da meravigliarsi se Angela Merkel si sia associata l’asso di picche affisso da Standard&Poors.

Un derating ancor più prevedibile, se, in una situazione del genere, Silvio Berlusconi che non ‘libera’ il Centrodestra da se stesso e lascia senza riferimenti quasi il 30% degli elettori: il futuro italiano sarà Salvini vs. Di Battista?

originale postato su demata

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: