Riforma costituzionale: referendum in ottobre?

12 Gen

L’approvazione della riforma costituzionale alla Camera arriva nel giorno del compleanno di Matteo Renzi giusto a confermare quanto il culto della leadership e il cerchio magico siano le componenti basilari della politica del III Millennio.

Così tra qualche mese gli italiani saranno chiamati ad un referendum confermativo che richiede un quorum per essere valido.
Dunque, prepariamoci a sei mesi di televisione in cui ci spiegheranno che votando a favore si cancella la democrazia parlamentare, che votando contro si mantiene il Paese nello stallo perpetuo, che non votando proprio … si esprime il proprio dissenso verso questa politica e questo governo a prescindere dal risultato.

Facile intuire dove possa convergere il consenso non teleguidato degli italiania a meno che Matteo Renzi non riesca a portare a termine prima dell’estate la ristrutturazione dell’Inps, avviando un nuovo sistema pensionistico e di welfare, rilanciando l’occupazione.

Perchè gli italiani dovrebbero preoccuparsi di cosa accade in Parlamento, se il Parlamento ancora non interviene su una voragine che sta lì dal lontano 2010?

Demata

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: