Chi sono i 10 senatori di Grandi Autonomie e Libertà

22 Mar

Il Gruppo Grandi Autonomie e Libertà è nato ufficialmente questa notte, dopo che tutti avevano capito che Bersani non avrebbe ceduto il passo ed a chi mai, vista la telefonata poco opportuna di Pietro Grasso a Santoro e Travaglio.
Così accade che dieci senatori decidano – improvvisamente e dopo anni e decenni di fedeltà alla causa del Centrodestra – di rendersi ‘disponibili’, affrancadosi da Berlusconi e dalla Lega.

Sperando che non sia il ‘mercato delle vacche’ profetizzato da Beppe Grillo, vediamo chi sono, giusto per curiosità e per capire l’affidabilità del futuro governo, nel caso il neonato Gruppo Grandi Autonomie e Libertà si rivelerà la ‘stampella’ che Bersani ed il ‘vecchio PD’ cercano.

Mario Ferrara, che è anche il presidente del GAL, è un ingegnere, senatore e segretario del gruppo di Forza Italia al Senato dal 2001 al 2006. Noto per uno degli emendamenti che hanno evitato la riduzione dei benefit dei parlamentari proposta da Giulio Tremonti nella finanziaria 2011.

Di pianificazione urbana si occupa Jonny Crosio, nato a Zurigo ed iscritto nel Registro Svizzero degli Ingegneri e degli Architetti. Quasi sempre presente ai lavori parlamentari, ha votato con puntualità svizzera tutto quanto c’era da votare durante il Governo Berlusconi. Eletto al Senato nelle liste della Lega Nord.

Giovanni Mauro, di professione avvocato e docente universitario, è stato presidente della provincia di Ragusa per il centro destra ed è con Forza Italia dal 2001, fin dalla prima ora del Berlusconismo. Pur avendo vissuto e lavorato in Sicilia, viene candidato e rieletto al Senato in quota Grande Sud nella lista PdL nel collegio Campania.

Luigi Compagna, giornalista e docente universitario di Storia delle dottrine politiche, è diventato senatore nel 1992 con il Partito Liberale, rieletto nel 2001 col  CCD-CDU, col Popolo delle Libertà nel 2008 e nel 2013. Noto per aver proposto (2008) una modifica ad un decreto legge per permettere al giudice Corrado Carnevale di concorrere per il posto di primo presidente della Corte di Cassazione ed un disegno di legge costituzionale (2009), insieme alla senatrice Franca Chiaromonte del PD, per ripristinare l’immunità parlamentare.

Gian Marco Centinaio è (era?) il segretario ed uomo forte della Lega Nord di Pavia, al quale Paolo Mieli, dal Corriere della Sera, chiese conto della sua presenza ad una manifestazione neonazista avvenuta a Pavia il 14 ottobre 2002. Un personaggio che sul proprio sito dichiara che, dal 2009, è assessore al turismo del Comune di Pavia, ma anche  Direttore Commerciale presso “il Viaggio SRL”, dopo essere stato anche Direttore Vendite Canale Agenzie presso CLUB MED ITALIA per circa due anni.

Giuseppe Compagnone è un medico, una vita intera vissuta a Grammichele, in provincia di Catania, di cui è stato il sindaco per le Autonomie, ma inspiegabilmente candidato in Campania dal PdL ed eletto (fortunosamente?) 14esimo in lista.

Anche Giovanni Bilardi è un medico, giá consigliere Regionale della Calabria e capogruppo della Lista Scopelliti Presidente,   unico eletto in Italia per ‘Grande Sud’ al Senato. E’ stato componente della Commissione medica invalidi civili per oltre venti anni e membro del Comitato provinciale Inps. La sua attività politica è iniziata con la militanza, da giovanissimo, nella Dc e nel 1992 è eletto per la prima volta consigliere comunale della città di Reggio Calabria e riconfermato nella carica per ben cinque consiliature. Per diversi anni è stato componente della Commissione edilizia e nel 1998 Presidente della Commissione al Patrimonio edilizio. E’ stato assessore alle Politiche comunitarie del Mediterraneo-Cooperazione internazionale del Comune di Reggio Calabria.

Ed è un medico Antonio Fabio Maria Scavone, primario di radiologia all’ospedale Garibaldi di Catania. Deputato alla Camera dal 1992 al 1994, più volte coinvolto in scandali finanziari dalla ASP da lui diretta. Nel 2003, era Assessore al Personale del comune di Catania nella giunta di Umberto Scapagnini, medico imputato e condannato più volte, tra cui una sentenza confermata in Appello a due anni e sei mesi di reclusione per abuso d’ufficio e violazione della legge elettorale. Eletto al Senato nella lista del PdL.

Lucio Barani, non ci stupiremo, è un medico distrettuale ASL. Ex sindaco dei comuni di Aulla e di Villafranca in Lunigiana, è noto per aver fatto erigere una statua commemorativa di Bettino Craxi, in una piazza a lui appositamente dedicata, mentre un’altra piazza del comune ha cambiato nome da Piazza Giacomo Matteotti a “Piazza dei martiri di Tangentopoli”. Eletto alla Camera dei deputati alle elezioni politiche del 2006 con la lista Dc-Nuovo PSI nella circoscrizione Toscana, grazie alla rinuncia del capolista Gianni De Michelis, è stato il primo firmatario della proposta di legge che assegna lo status di combattente a chi aderì a Salò.

Nella Sanità lavora anche Laura Bianconi, un’ex democristiana (dal 1980),  ex Consigliere Comunale al Comune di Cesena, Capodipartimento regionale alla Sanità per la Regione Emilia-Romagna. Eletta nella lista “Forza Italia” nel 2001, poi col Popolo della Libertà,  si è battuta strenuamente contro il Referendum del 12 e 13 giugno 2006 in materia di procreazione medicalmente assistita.

Acclarato questo, fermandosi ai primi link proposti da Google, ogni commento è inutile.

originale postato su demata

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: