Tag Archives: rpecari

Berlusconi e Renzi? Gli italiani meritano molto meglio

3 Set

In un’Italia, che fino a pochi giorni fa era scossa da un’imminente crisi di governo e daliti feroci ‘per un pugno di dollari’, accade anche che in un battibaleno tutto vada a tacere: risolto il problema contingente, a nuova quaestio si va.
Inoltre, tra le elezioni tedesche e guerre annunciate in Medio Oriente, i piccini della politica non possono altro che sparire per dedicarsi a botteghe e commerci, as usual.

Botteghe e commerci che ormai non passano impercepiti tra i cittadini e le istituzioni, se almeno la metà delle promesse annunciate per decreto da tanti ministeri sono finite in fumo: dall’assunzione dei precari della scuola, agli esodati, alla lotta all’evasione, al contrasto alla disoccupazione e, persino, ad una qualche limitazione della spesa pubblica e delal voce forte con ‘certe banche’.

Partendo dai commerci, ormai è evidente che Silvio Berlusconi oggi rappresenta un peso insostenibile per il centro-destra, costretto a recedere sull’IMU (tipico tributo anglosassone e liberale) e ad assumersi ‘la colpa’ dell’ennesimo ritardo ad intervenire a sostegno delle fasce sociali più esposte alla crisi e/o maggiormente colpite dagli interventi del Governo Monti, finalizzati a ‘salvare’ la finanza italiana.
Il silenzio degli italiani, di tantissimi italiani, per questi ultimi due mesi di non necessario travaglio nazionale è più che eloquente.

Andando alle botteghe, leggere di Franceschini che appoggia Matteo Renzi ‘se serve a mantenere il partito unito’, getta un quadro fosco sulle alleanze di ‘corrente’ che potrebbero mettere l’imperituro ex-partito comunista nella mani di un sindaco che finora, a Firenze, ha dimostrato solo una notevole capacità di autopromozione, in una regione, la Toscana, che è l’ultimo avamposto della profonda provincia italiana, con i suoi paesaggi ed i suoi poteri immutabili da secoli e secoli.
Non possono di sicuro essere i ‘modernisti’ di Matteo Renzi con i ‘provinciali’ di Marini e Bindi ad avere il nerbo morale di sottrarre il Meridione alle mafie ed al ribellismo velleitario, visto che gli investimenti esteri ci sarebbero ed anche a bizzeffe. Come non possono essere ‘quelli del paesaggio italiano’ ad avere quella ‘cultura del lavoro’ che serve per essere presi in considerazione in Emilia, Veneto e Lombardia.

Se poi il target delle nostre future elezioni sarà quello di realizzare un federalismo ‘integrale’, allora le cose possono assumere un’altra veste: una rinnovata fusion tra Forza Italia e Lega al Nord, i ‘moderati progressisti’ nel Centroitalia e, nel Meridione, il caos organizzato, almeno finchè i legami di sangue con gli anglosassoni e la galassia ispanica non dovessero ricomporre il mosaico infranto con l’Unificazione italiana.

Non credo che i nostri ‘eroi’ – Matteo Renzi soprattutto – siano lontanamente consapevoli del rischio letale per l’Italia, se dovesse persistere il Trasformismo e l’opportunismo politico dei quali i due leader sono, nell’attuale, espressione e causa e dai quali i partiti ‘storici’ non riescono ad affrancarsi da ben prima della caduta del Muro di Berlino.

Sessanta anni dopo l’annessione delle Due Sicilie, l’Italia implose prima nella crisi sociale del 1921 e poi nel Fascismo mussoliniano ed in quei sessanta anni Trasformismo, corruzione e scandali finanziari la fecero da padroni. Finita la guerra e finito il Fascismo, sono seguiti altri sessanta anni di Trasformismo, corruzione e scandali finanziari.

Ed oggi siamo di nuovo al dunque.

Anche il Fascismo di Benito Mussolini trovò origine e sostegno tra i ceti piccolo borghesi e nella profonda provincia dell’Appennino italiano.

 originale postato su demata