Tag Archives: ripresa

Italia BBB+ secondo S&P. Perchè?

14 Gen

Standard & Poor’s declassa mezza Europa, dopo le vane rassicurazioni di Monti e Merkel, e l’Italia crolla da A+ a BBB+.

Almeno per ora, le cose non vanno troppo male per la Francia, passata dalle tre A alla classe AA+, ed, infatti, il ministro delle Finanze francese, Francois Baroin, ha dichiarato che “AA+ è ancora un buon rating”.  Beati loro …

Quali le motivazioni, se non le cause, di un tale flop, che se non è default gli somiglia abbastanza?

Il taglio riflette quella che consideriamo una crescente vulnerabilità dell’Italia ai rischi di finanziamento esterni e le negative implicazioni che ciò può avere per la crescita economica e quindi per le finanze pubbliche“. (report S&P)
E’ evidente che Wall Street e gli USA, dopo aver “sacrificato” Lehmann Brothers Bank per stabilizzare il sistema e dare un esempio, non possano vedere di buon occhio il risicato salvataggio di Unicredit che Merkel e Monti stanno tentando di fare.
Una “mossa” che non coincide esattamente con gli interessi degli italiani, ma che consentirebbe un insperato salvataggio della pericolante economia della popolosa Polonia in cambio del suo ingresso nell’Euro.
L’Italia difficilmente potrebbe reggere, però, alle dinamiche speculative – politiche e finanziarie – che si metterebbero in atto.

Ci aspettiamo che ci sia un’opposizione alle attuali ambiziose riforme del governo e questo aumenta l’incertezza sull’outlook di crescita e quindi sui conti pubblici”. (report S&P)
E qui c’è poco da commentare, ahimè.
“Opposizione” vuol dire che le reazioni sociali alla recessione ci saranno, le “ambiziose riforme” sta per passo più lungo della gamba, l’espressione “incertezza sull’outlook di crescita” equivale a manifestare dubbi sui conti e sulle promesse,  il solo menzionare i “conti pubblici” di per se evoca una discreta sfiducia sulla capacità della politica di evitare sprechi e prebende.

E dire che è da un mese che dagli USA, Financial Times incluso, arrivavano avvisaglie e tirate d’orecchie all’Italia, con l’invito a Mario Monti di avviare una politica antirecessiva e non penalizzante verso gli italiani.
Adesso è arrivato il declassamento di ben due livelli, speriamo che qualcosa cambi.

originale postato su demata

Monti: “allarme populismo”

11 Gen

Un “divertente” Monti a Berlino spiega ad una Merkel “divertita” che: «l’Italia ha sopportato molto, senza aiuti dalla Ue si rischiano proteste antieuropee».

«Con la mia politica non posso avere successo se l’Unione europea non cambia, e se ciò non si verifica il mio Paese, che è stato sempre un Paese molto favorevole all’Europa, potrebbe gettarsi nelle braccia dei populisti».

Allarme! Arrivano i Populisti? E chi saranno mai?

Infatti, gli studiosi di scienze politiche hanno proposto diverse definizioni del termine ‘populismo’, “a seconda del suo approccio e interessi di ricerca” (Peter Wiles – 1969) ed il termine ha un’accezione contradditoria e confusa, spesso usata per definire nuovi partiti e nuove strutture di governance non classificabili né come democrazie liberali né come socialismi reali.

Daniele Albertazzi e Duncan McDonnell hanno definito il populismo, in Twenty-First Century Populism: The Spectre of Western European Democracy,  come: ‘una ideologia secondo la quale al ‘popolo’ (concepito come virtuoso e omogeneo) si contrappongono delle ‘elite’ e una serie di nemici i quali attentano ai diritti, i valori, i beni, l’identità e la possibilità di esprimersi del ‘popolo sovrano’.”

Concetti discutibili ma, visto cosa accade, non errati in partenza …

Il populismo può essere uno strumento della tirannide per mantenere il consenso, come per le le dittature fascista e nazista, od una vera e propria forma di governance alternativa, come per il peronismo, il gandhismo ed il gaullismo, oppure, ancora, un fattore reciproco di stabilizzazione del consenso, come nell’Italia della DC e del PCI.

Cosa avrà inteso Mario Monti con il suo “allarme populismo” è difficile dirlo, anche perchè potrebbe semplicemente trattarsi, nella piccineria delle cose italiche, di Di Pietro e Beppe Grillo che “resistono”, mentre Bersani ammonisce una base in subbuglio con Vendola tace e basta.

Fatto sta che i conti pubblici italiani, con Tremonti, avevano recuperato lo 0,8% durante i primi otto mesi del 2011 (fonte ISTAT) ed il Presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione, giudice istruttore dle processo Moro, ci ricorda che  “ se invece i sacrifici debbono essere sopportati soltanto dai lavoratori, dagli operai, dei pensionati e dai dipendenti che hanno uno stipendio limitato e non invece dai grandi evasori, questo fatto che provocherà una ribellione nei confronti dello Stato.

Di quale “populismo” avrà parlato mai Mario Monti … sarebbe bello saperlo.

E … chissà se, poi, è così cattivo.

originale postato su demata

Conti pubblici, la matematica non mente

11 Gen

I dati Istat pubblicati oggi rilevano il miglioramento dei conti pubblici italiani, nei primi nove mesi del 2011, quelli del governo Berlusconi, cogliendo il miglior risultato dal 2008.

Incredibile, ma vero.

Secondo i dati dell’Istat, nel terzo trimestre 2011 il rapporto tra deficit e Pil è stato pari al 2,7%, inferiore di quasi l’1% a quello dello stesso periodo del 2010 (era al 3,5%), mentre nei primi nove mesi 2011 il rapporto tra deficit e Pil è stato pari al 4,3%, inferiore di 0,3 punti percentuali rispetto allo stesso periodo del 2010 e miglior risultato dal 2008.

I dubbi relativi alla correttezza delle informazioni che riceviamo ed alla legittimità del governo Monti aumentano e le ipotesi speculative sul baillamme politico-finanziario di novembre si confermano. 

originale postato su demata

Vuoti di stampa, vuoti di memoria

10 Gen

Il 2011 che è appena terminato ha visto l’Italia annaspare nel marasma finanziario e mediatico a causa “degli sprechi”, causati dalla casta politica e dall’inefficienza pubblica, dal “difetto di democrazia”, dato dal Berlusconismo, e dal “conflitto di interessi” generalizzato, che aleggia sui partiti italiani.

Almeno questo è quello che riportavano giornali e televisioni.

Il 2012 appena iniziato vede l’Italia fronteggiare il marasma finanziario e mediatico intervenendo su pensioni, contratti di lavoro, ordini professionali, farmacie e tassinari.

Questo è quanto la libera stampa diffonde.

Di “sprechi”, “difetto di democrazia”, “conflitto di interessi” non se ne sente più parlare, come non si parla più di “corruzione”, aumentata del 30% nell’ultimo anno,  secondo la Corte dei Conti.

Ci siamo persi qualcosa? C’è qualcosa che dovremmo sapere?

originale postato su demata

Un Mario non vale l’altro

8 Gen

Abbiamo più volte osservato che Mario Monti non è un tecnico ma un uomo politico di grande livello, attento alle relazioni con la società civile, con le organizzazioni sindacali e con le forze politiche. Ma sta rivelando un’insolita capacità nella politica estera.” (Eugenio Scalfari, 8 gennaio 2012)

Non se ne dispiaccia l’ex direttore di La Repubblica, ma, anche lasciando da parte l’autoattribuito plurale maiestatis che ama usare, quasi fosse un gran maestro od un alto prelato, non si comprende di cosa parli.

In due mesi non si dimostra di essere un “politico di grande livello”, come non concertando nulla non si può essere “attenti alle relazioni con la società civile”. Quanto alla “insolita capacità nella politica estera”, è facile a dirsi se da un lato c’è l’emissario del Fondo Monetario Mondiale e dall’altra due nani della politica con le elezioni alle porte …

Ma l’incensatura dell’attuale governo, non finisce qui, Scalfari prosegue: “la politica estera di Monti mira più in alto. L’obiettivo finale, se riuscirà nel suo intento, si propone di rafforzare un potere federale europeo che, pur mantenendo in vita i governi nazionali, ne restringa la sovranità e modifichi la distribuzione dei poteri all’interno delle istituzioni europee, accrescendo quelli del Parlamento di Strasburgo, della Commissione di Bruxelles e della Banca centrale.”

Sarà per le solite faziosità romane, sarà che gli anni passano e la memoria falla, ma bisognerebbe informare l’austero decano del giornalismo italiano che è Mario Draghi e non Mario Monti, quello che sta lavorando, con i dovuti risultati, per l’unificazione dei sistemi di bilancio e fiscali dell’Unione Europea.

Un Mario non vale l’altro.

Anzi diciamola tutta: quale manovra finanziaria avrebbero sviluppato Mario Draghi o Luca di Montezemolo, se i giochi delle lobby li avessero posti nel ruolo in cui “gioca” oggi Mario Monti?

E, soprattutto, saremmo più soddisfatti noi, i cittadini italiani ed europei, o piuttosto, come sta accadendo, le astratte entità finanziarie ed i soliti club di arcinoti che vorrebbero sostituirsi alla deludente governance democratica del Vecchio Continente?

Leggi anche Scalfari e l’agenda di governo

originale postato su demata

2011, un anno memorabile

29 Dic

Il 2011 passerà alla Storia come “Year of Rage”, l’Anno della Rivolta.
Tunisia, Libia, Egitto, Siria: nulla sarà più lo stesso. Anche se non dovesse arrivare la democrazia occidentale, la gente si è sollevata contro i tiranni, usando internet e praticamente senza le solite violenze di piazza “contro il potere”.

Anche in questo, venti a passa anni fa, aveva avuto paradossalmente ragione Saddam Hussein chiamando la Guerra del Golfo “la madre di tutte le battaglie”, sia come confronto armato tra due mondi sia come fine delle oligarchie postcoloniali.

Masse, che sono insorte in tutto l’ex Impero Ottomano, non giovani “intellettuali”, che cercano di bloccare le City dell’Occidente e non le “classi lavoratrici”, ormai rassegnate al tramonto del “Sole dell’Avvenire”.

Il 2012 che ci attende non sarà facile, dopo un anno “memorabilis” come quello che è trascorso, tra i traumatici assestamenti nei paesi delle sollevazioni, ma, soprattutto, per l’incapacità sopraffina dell’Occidente di leggere le nuove matrici e le future trame.

Un mondo incomprensibilmente nuovo e cripticamente antico, questo è quello che ci annuncia questo avvio di millennio.
Un mondo incomprensibile ed incontrollabile per chi volesse leggerlo con le ottiche e le ideologie del Novecento.

originale postato su demata

 

Spending review: come dire tagli

18 Dic

Il ministri dello Sviluppo e quello della Coesione territoriale, Passera e Barca, che il governo Berlusconi aveva accantonato e che andranno a finanziare infrastrutture: ferrovie, porti, scuole, carceri.
Non è una gran cifra, solo per le scuole ne servono almeno il doppio, se non il triplo, e, dunque, non ci saranno infrastrutture se non arriveranno economie, ovvero tagli.

D’altra parte, è notorio che non si rilancia a costo zero la crescita, lo sviluppo, l’innovazione.

Così andando le cose, il governo ha avviato la mappatura della “spending review”, che Tremonti aveva previsto in Finanziaria e che l’Europa si attende.
Si tratta, in parole povere, di tagli di spesa “mirati”, per almeno 10-15 miliardi di Euro.

Un’anteprima sono quelli già contenuti nel decreto “Salva Italia” relativamente la Sanità, che ricadranno inevitabilmente sui malati e che, per ora, colpiscono medici e paramedici.
Visto che anche la lobby dei farmacisti ha ottenuto la sua postilla, la cosa inizia a sembrare paradossale.

Ma non solo.
Dove pensa di prendere, il governo Monti, le risorse necessarie a finanziare il rilancio della domanda e il welfare che serve per “gestire” almeno due milioni di disoccupati?
Dalla lotta all’evasione fiscale ed agli sprechi … in un paese dove il falso in bilancio è depenalizzato e dove i dirigenti pubblici sono assicurati, in caso di condanne, a carico dello Stato.

originale postato su demata

La Manovra del Dragone

18 Dic

Da martedì prossimo, 20 dicembre, la Banca Centrale Europea, guidata da Mario Draghi, darà avvio all’enorme manovra che dovrà sostenere l’Euro ed i suoi mercati.
Da dopodomani, le banche dell’Eurozona potranno accedere ad ingenti prestiti (tasso 1%) della durata di 36 mesi, rinnovabili, presso la Bce e le Banche centrali dei rispettivi Paesi. La sola BCE ha reso disponibile un plafond fino al tetto di 2.000 miliardi di Euro.

Le “garanzie” che le banche dovranno offrire potranno consistere in:

  • titoli di debito sovrano al loro valore di rating,
  • obbligazioni emesse dalle stesse banche che accedono al credito,
  • crediti cartolarizzati da parte di clienti dalle medesime banche.

Lo scopo dichiarato di questo enorme intervento?

La Bce si aspetta di ottenere i seguenti risultati:

  • sblocco del credito interbancario,
  • ripresa del credito alle imprese,
  • sblocco della segmentazione nazionalistica del mercato dei titoli pubblici,
  • buon andamento delle aste dei debiti sovrani in scadenza a marzo.

In parole povere, oltre a consolidare l’Euro, Mario Draghi spera di “convincere” le banche dei paesi del Nord Europa ad investire di nuovo in titoli pubblici del Sud Europa.
Basti dire che, dal 2007 ad oggi, i capitali investiti in Italia e Spagna si sono letteralmente dimezzati (44%).

Ben venga la manovra di Francoforte, ma sarebbe da chiedersi se potrà bastare senza andare alle cause della perdita di appeal di Roma e Madrid.
E qui non possiamo dimenticare che, proprio mentre le banche iniziavano a dubitare dell’Italia, diversi esponenti pubblici italiani firmarono un appello all’Europa, chiedendo di sospendere gli “aiuti allo sviluppo”, dato che alimentavano solo corruzione e malaffare.

Dunque, se il nodo finanziario sarà sciolto grazie alla manovra dela BCE, va ben ricordato cosa è già accaduto.
E’ impensabile che, ancora una volta, buona parte degli investimenti nordeuropei si trasformino in sprechi, corruzione e casta, se parliamo dell’Italia, o, peggio, in assistenzialismo, consociativitsmo e desviluppo, se parliamo anche della Spagna.

Eugenio Scalfari, in un suo editoriale, si dice “ottimista” a riguardo.
Deve essergli sfuggito che Mario Monti ha l’incarico di mettere i “conti a posto” e non quello di “riformare” l’Italia. Basti vedere come litigano in TV i politici per mille euro, in più o in meno, su stipendi da 12.000 Euro …

originale postato su demata

Eugenio Scalfari ed il suo tempo

18 Dic

Eugenio Scalfari, oggi, in uno dei suoi lunghi editoriali, si interroga: “Lasceremo che la recessione si trasformi in depressione?”
“Senza il rigore saremmo già saltati in aria, ma senza un rilancio della crescita con effetti rapidi saremo morti egualmente tra poche settimane.”

La soluzione? Evitare di staccare “la spina a marzo. Nel pieno della stagione di scadenza d’una mole enorme di titoli pubblici e di obbligazioni bancarie in Italia e in tutta Europa”.

Un po’ poco.
Si può votare anche a luglio, con i conti a posto ed il debito sovrano sotto controllo … promettendo agli elettori, guarda caso, “crescita” e “decisioni politiche”.

originale postato su demata