Tag Archives: politico

Sondaggi elettorali: tanta voglia di novità

28 Feb

Sono di questi giorni alcuni sondaggi politico-elettorali abbastanza significativi, che confermano che il consenso per Berlusconi e, soprattutto, per la Lega è molto minore di quanto voglia farci credere il premier Berlusconi.
Orientamenti ed inclinazioni dell’elettorato di cui questo blog scriveva in tempi non sospetti, ovvero quasi due anni fa.
Poco male, vediamo di cosa si tratta.

Innanzitutto, è significativo il dato di IPR Marketing per RAI – L’ultima parola, che vede l’elettorato di sinistra fortemente oppositivo a qualsivoglia alleanza od accordo con la Lega di Bossi.
Una posizione piuttosto monolitica degli elettori che mette all’angolo sia i big come Veltroni e D’Alema sia “giovani” come Chiamparino e come Renzi.
Il dato è confermato  dal sondaggio Coesis Research che vede un 44% dei milanesi ancora indecisi per le prossime comunali, mentre la maggioranza di chi andrebbe a votare è fortemente scontenta della Moratti.

C’è, infine, il corposo sondaggio di Demos & Pi, curato da Ilvo Diamanti, insieme a Fabio Bordignon e Roberto Biorcio, pubblicato oggi da Repubblica.
Un sondaggio che cerca di indagare sulle intenzioni di voto degli “indecisi” che ormai sfiorano il 50% degli elettori.

Il primo dato, esorbitante, è che circa un quarto degli italiani ha serie difficoltà ad identificarsi in qualunque colaizione si presenti.
Il secondo, piuttosto marchiano, è che l’attuale maggioranza è in realtà l’espressione di una minoranza, visto che circa due terzi degli italiani esclude di sostenere un’alleanza PdL-Lega alle prossime elezioni.

C’è poi un terzo dato di fatto, che Repubblica e gli analisti di Demos & Pi evidenziano: la coalizione berlusconiana sarebbe sbaragliata se i centristi corressero uniti e lo stesso accadesse a sinistra.
Peccato che tutto il sondaggio si basi sull’ipotesi di una contrapposizione bipolare tra due coalizioni.

Considerato che la destra italiana è storicamente populista, sarebbe il caso che analisti e sondaggisti iniziassero a prendere atto che una parte consistente degli italiani sente l’esigenza di sostenere una coalizione moderata e di stampo liberale.

Voglia di novità e di ripresa.