Tag Archives: libertà

Fine pena? Mai, anzi, riapriamo l’Asinara

27 Mar

M_ac6575a57fb54949cc10301c20d247a9Il Tempo del 23 marzo scorso riporta un’interessante notizia, che ci da tutto lo spessore di un grave fenomeno:

“La criminalità organizzata scende in campo per il voto del 13 aprile.


E lo fa apertamente attraverso esponenti di rilievo che hanno affidato a un volantino-proclama la loro scelta politica.

Una propaganda che arriva dal carcere.

«Indirizziamo i voti dei nostri familiari per quel partito o schieramento che ha messo nei primi posti della sua attenzione il problema del carcere…. per l’uscita del nuovo codice e per l’abolizione del regime di tortura 41 bis»

Ventotto righe per invitare i detenuti, che non hanno diritto di voto, a fare pubblicità presso parenti e amici per dare la loro preferenza a quei «partiti che hanno parlamentari che visitano spesso le prigioni».

E ancora «facciamo votare i partiti che sono favorevoli all’abolizione dell’ergastolo,
all’emanazione del codice penale e a una pena rieducativa».

La firma in calce è «Gli ergastolani in lotta  di Spoleto»”

La lettera è stata spedita dal carcere di Spoleto da Giovanni Spada, pugliese, boss della Sacra corona unita in regime di alta sicurezza ed intercettata a Rebibbia , dove il destinatario era Angelo Tornese, anche lui della Sacra Corona Unita, sottoposto a regime 41 bis.

Solo grazie alla censura, applicata per il 41bis e non per il regime di alta sicurezza, si è potuta scoprire la “cospirazione”.

Scrive Maurizio Piccirilli che: “I detenuti di Spoleto sono da tempo molto attivi nell’impegno «politico». Molti gli incontri con esponenti parlamentari autorizzati alle visite in carcere. Soprattutto di estrema sinistra. E infatti l’invito al voto è quanto mai esplicito: «Facciamo votare Sinistra critica e Sinistra Arcobaleno».

E’ un caso che i due partiti menzionati sono gli unici che non hanno votato le modifiche al regime carcerario speciale? Qualcuno si prenderà la briga di monitorare il voto in Puglia?

Guantanamo, Italia, UE

22 Ott

Mezzo mondo accusa “da sempre” gli USA di essere liberticidi.
Eppure lì nessuno ti obbliga ad avere documenti e nessuno ti può fermare per strada. Addirittura puoi dare il nome che ti pare, se non stai commettendo un reato.
Nessuno è obbligato a mandare i figli a scuola a studiare quello che passa lo Stato, a far monitorare il proprio conto corrente dal fisco, a dover chiedere permessi e autorizzazioni se vuole spostare una finestra.
Ai lavoratori viene pagato lo stipendio lordo, così che possa anche lui decidere se versarsi i contributi e se evadere le tasse.

E negli USA il diritto di opinione è sacro.

Noi non viviamo in un paese liberticida, così dicono, ma che è  messo molto male se guardiamo la libertà d’informazione ed i dati ONU.

Solo statistiche, la realtà è ben altro?