Tag Archives: indendi

Roma in crash sempre più spesso

1 Giu

Dall’ANSA di oggi “Alle 10 di stamattina e’ stata riaperta la Tangenziale est, chiusa ieri notte per un incendio divampato tra Batteria Nomentana e viale Somalia. Lo ha annunciato il sindaco Walter Veltroni che ha aggiunto:
‘Oggi e’ un giorno segnato da un incendio devastante che ricorda quello del 2001 all’Aventino. Voglio ringraziare i vigili urbani, i vigili del fuoco, i dipendenti di Acea e Telecom e la protezione civile per la loro grande
capacita”.”

Ma diciamo tutto quello che è successo.
Dalle prime voci, chi scrive fa il cittadino non il giornalista, sembra che gli incendi siano scoppiati in concomitanza di uno sgombero di migliaia di immigrati accampati lungo la Tangenziale e la linea ferroviaria.
Chi abita in zona parla di una dorsale a fibre ottiche danneggiata e di linee telefoniche isolate in al Quartiere Africano.
Centinaia di migliaia di persone sono rimaste bloccate nel triangolo tra la Nomentana e la Salaria senza informazioni.

Alcuni quesiti.
Come si è arrivati ad avere migliaia di immigrati accampati un pò dovunque, con scenari, vergognosi per un Paese civile, indegni anche delle bidonville di baraccati romani di pasoliniana memoria?
Incendi accidentali o dolosi? E nel caso, chi è che a Roma ha commesso atti terroristici, come l’attentato alle linee tranviarie, citato dal Sindaco, e quello di stanotte? E che dire delle migliaia di scooter e automobili incendiate la notte?
Come faranno i 400.000 cittadini del IV Municipio quando la nuova
cementificazione sarà finita e in 600mila avranno lo stesso imbuto da
attraversare? E gli automobilisti ed i pendolari della provincia potevano essere avvisati tramite le radio locali dalle prime ore del mattino come in Europa?

Stamane nella Capitale queste domande se le ponevano vecchietti in fila alla ASL, mentre al Gratta e vinci c’erano le massaie, operai in pizzetteria e gente nelle macchine.

Non solo: gli elettori  della Sinistra “storica”, alle locali, hanno fatto
capire che vorrebbero almeno che qualcuno gli spiegasse con semplicità
perchè va tutto storto e come uscirne rapidamente, anche in sofferenza.