Tag Archives: discrezionalità

Ritardati pagamenti: il Governo si muove

22 Mag

Sarà che si avvicinano le elezioni, sarà che c’è poco denaro circolante, Mario Monti, finalmente, ha annunciato una mossa che, se andrà in porto, porta un duro colpo a corrotti, inadeguati e speculatori.

Siamo parlando dei ritardati pagamenti della Pubblica Amministrazione e del recepimento della Direttiva Europea apposita, in scadenza a marzo del 2013.

Una ‘manovra’ che metterà in pagamento, ovvero in liquidità, quasi 30 miliardi, secondo le stime, che a loro volta, si spera, andranno non solo ai ‘grandi creditori di Stato’, ma anche alle aziende ormai in difficoltà e lavoratori allo stremo. Un dubbio legittimo visto che i crediti per le grandi infrastrutture andrebbero direttamente a rimpinguare le casse delle banche (ad esempio l’Intesasapaolo, ‘cara’ a Fornero e Passera, come per il Ponte sullo Stretto di Messina) .

Anche se così andasse e per quest’anno la gran parte dei pagamenti beneficiassero le grandi lobby, alla lunga l’effetto di queste norme potrebbe rivelarsi particolarmente benefico per una discreta quantità di motivi:

  1. minor spesa per interessi da parte delal Pubblica Amministrazione;
  2. minori carichi di lavoro per il sistema giudiziario
  3. minore discrezionalità da parte dei pubblici funzionari
  4. maggiori obblighi per gli amministratori pubblici in sede di bilancio
  5. minori somme stazionanti nei conti correnti, ovvero presso le banche
  6. minori speculazioni nel settore del recupero crediti
  7. maggiore stabilità delle aziende fornitrici
  8. maggiori tutele per i dipendenti delle aziende fornitrici

La puntualità dei pagamenti è, anche, un elemento primario di attrazione per i capitali esteri.

Vedremo se lobbies e partiti daranno un segnale di celerità nell’approvazione di queste norme contro i ritardati pagamenti della Pubblica Amministrazione.

E vedremo anche se Mario Monti avrà voglia di affermare la propria onestà intellettuale non solo ripristinando i ‘pagamenti a 60 giorni’, ma vorrà anche entrare nel merito del Patto di Stabilità, che congela risorse locali già esistenti e che non è, ormai, nè realistico nè affidabile nè utile, con tutti i cambiamenti demografici, produttivi ed economici avvenuti nell’ultimo quinquennio.

originale postato su demata

Corruzione, un paese da record

17 Feb

Per uno strano caso del destino, mentre Mario Monti annuncia “apprezzamenti” per l’Italia a tutto spiano, l’Anno Giudiziario si inaugura proprio mentre cade l’anniversario di Tangentopoli.

E così accade che si parli di corruzione con dati alla mano, proprio mentre conduciamo una singolare lotta agli sprechi senza andare a caccia di spreconi.

“Illegalità, corruzione e malaffare sono fenomeni ancora notevolmente presenti nel Paese le cui dimensioni  sono di gran lunga superiori a quelle che vengono, spesso faticosamente, alla luce“. Questo il senso della relazione con cui il presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino, ha inaugurato l’anno giudiziario della Corte dei Conti.

Un volume, stimato dalla Corte dei Conti, per un valore di 60 miliardi di euro l’anno, ma le condanne inflitte “coprono” 75 milioni di euro, l’uno per mille del malaffare.
E, soprattutto, secondo la Commissione Europea, i capitali coinvolti nella “corruzione italiana” equivalgono a circa il 50% della corruzione complessiva in Europa.

Infatti, come conferma la magistratura italiana, “il nostro Paese nella classifica degli Stati percepiti più corrotti nel mondo stilata da Transparency International per il 2011 assume il non commendevole posto di 69 su 182 paesi presi in esame e nella Ue è posizionata avanti alla Grecia, Romania e Bulgaria“.
Non parliamo solo di “mazzette”, ma anche di “malaffare”, dato che i magistrati si riferiscono a tutti i comportamenti che arrecano “un danno alle finanze pubbliche” ed, in particolare, agli “episodi più ricorrenti di gestione delle risorse pubbliche inadeguata, perché inefficace, inefficiente, diseconomica”.dalla corruzione dell’attività sanitaria, allo smaltimento dei rifiuti, dal “gravemente colposo” utilizzo di strumenti derivati o prodotti finanziari simili, per arrivare alla costituzione e gestione di società a partecipazione pubblica e alla stipula di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. Vengono inclusi anche gli errori nella gestione del servizio di riscossione dei tributi“.

Senza parlare dell’assenteismo, del pressappochismo, della discrezionalità, del nepotismo, dell’affiliazione di partito o di sindacato, della negligenza, della inadeguatezza alle quali assistiamo – vittime o carnefici – quotidianamente.

Cifre impressionanti, dunque, quelle della corruzione italica, ben più rilevanti di quelle relative all’evasione fiscale, se si fanno i dovuti confronti.

Infatti, se i dipendenti pubblici sono nell’ordine dei 5 milioni di addetti, la corruzione denunciata dalla Corte dei Conti equivale ad una “media” di seimila euro annui a lavoratore.

Infatti, in tema di conti pubblici, il Presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino, sottolinea che, “mentre grande attenzione è riservata alle proiezioni e alla stima degli effetti attesi dei principali provvedimenti, sono invece carenti le misure e le valutazioni ex post circa l’impatto che le politiche pubbliche esercitano sulla dinamica delle entrate e delle spese. Cosicché vi è una quasi totale mancanza di documenti e studi dedicati a verificare a posteriori se, quanto e come abbiano in realtà funzionato gli strumenti impiegati per migliorare il coordinamento della finanza pubblica e la qualità della spesa“.
Eh già, chissà quanti dirigenti pubblici dovrebbero restituire premi e prebende, puntualmente incassati mentre il “disastro avanzava”, dato che – a voler compilare qualche serie storica degli adempimenti contabili – salta subito fuori che gli obiettivi non erano quelli “giusti” e, per giunta, non erano mai stati raggiunti.

Dopo “Salva Italia” arriverà un “Pulisci Italia”?
Difficile.

Non è un caso che il ministro della Giustizia, così energica nel “fustigare i giovani”, annunci: “Ci vuole tempo, è un problema mai debellato”.

D’altra parte, bisogna capirli i “professori”, se aggredissero la corruzione, dove troverebbero mai il consenso (parlamentare) che li tiene al governo? E, poi, ve li immaginate voi dei banchieri che perseguono speculatori e corrotti?

‘Ca nisciuno è fesso.

originale postato su demata