Lo sapevate che c’è Matteo Renzi in capo alla protezione civile?

2 Nov

Dopo il terremoto del 1980  in Campania e Basilicata, lo Stato Italiano istituì (Legge 29 aprile 1982 n. 187) un Ministero per il coordinamento della Protezione Civile e un Dipartimento apposito.
Con la legge 24 febbraio 1992 n. 225, lo Stato italiano istituì il Servizio Nazionale della Protezione Civile, che venne riorganizzato come un sistema coordinato di competenze, ripartito e concorrente tra le amministrazioni pubbliche statali, ovvero le Regioni, le Province, i Comuni, enti locali, enti pubblici, associazioni di volontariato.
Così nacque la Protezione Civile, quella statale divenuta famosa nel mondo.

Poi, neanche 10 ani dopo, arrivò quella ‘condivisa’.
La riforma del titolo V della Costituzione (avvenuta con legge costituzionale 18 ottobre 2001 n. 3) ha inserito la protezione civile fra le materie a legislazione concorrente stato-regioni.
La legge 6 marzo 2001 n. 64 istituì il servizio civile nazionale.

E arrivò anche quella che ‘non avremmo voluto’.
Le leggi sui “grandi eventi” (Decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343; decreto-legge 31 maggio 2005, n. 90; decreto-legge 30 novembre 2005, n. 245) hanno poi fatto ricadere sotto la competenza ed i poteri della protezione civile l’organizzazione di una serie di eventi straordinari dichiarati tali dal governo.
L’estensione e lo snaturamento dei compiti della protezione civile, trasformatasi in agenzia pubblica appaltante in deroga alle procedure ordinarie, sollevò numerose critiche, in particolare riguardo il sisma a L’Aquila.

Infine, è arrivata quella che c’è oggi.
Con il decreto legge 15 maggio 2012 n. 59, convertito in legge 12 luglio 2012 n. 100, la promozione e il coordinamento di tutte le attività del servizio nazionale sono in capo al Presidente del Consiglio dei ministri, come dei Governatori e dei Sindaci dei territori colpiti.
La gestione dei fondi per la ricostruzione si sposta dalla competenza della Protezione Civile agli enti locali. Inoltre, Governo e Regione possono aumentare le accise sulla benzina e su determinati tipi di gasolio, come anche in caso di distruzione della garanzia ipotecaria, i debiti residui dei mutui sono estinti dal Ministero dell’economia e delle finanze.

Ed oggi – a leggere i giornali – abbiamo decine di migliaia di sfollati, qualche centinaio di migliaia di immobili lesionati, milioni di edifici da controllare, senza parlare delel scuole, degli ospedali, dei ponti, delle reti infrastrutturali e delle aziende.
Ecco perchè – dopo il sisma del 1980 – l’Italia comprese che serviva una Protezione Civile ‘nazionale’.

Dunque, c’è da prendere atto che la ‘gloriosa’ Protezione civile nazionale -oggi – si limita all’Esercito Italiano e al Ministero degli Interni, ergo senza poteri verso gli Enti Locali, salvo stato d’emergenza proclamato in condivisione con gli stessi enti …

Ma prendiamo anche atto  che il capo del Governo, Matteo Renzi, ha fatto solo qualche comparsata mediatica, tra annunci spot e una messa in Umbria, mentre è lui – e nessun altro – ad essere preposto alla promozione e al coordinamento di tutte le attività del servizio nazionale di protezione civile.
Ed – parlando di Regioni – in capo alla Protezione Civile ci sono i governatori regionali Nicola Zingaretti (PD Lazio), Catiuscia Marini (PD Umbria), Luciano D’Alfonso (PD Abruzzo), Gian Mario Spacca (PD Marche), Enrico Rossi (PD Toscana).

Quanto al ministro dell’economia e delle finanze, Carlo Padoan, inizi a farci sapere di quanto e come dovrà intervenire il suo dicastero almeno per i mutui da subentrare e le minori entrate fiscali.

Se qualcuno voleva toccare con mano cosa comporti una riforma costituzionale che blinda la maggioranza alla Camera, azzera il dibattito e mette un uomo (ed un partito) solo al comando, ci siamo già.

Demata

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: