I rischi del #referendumcostituzionale

4 Mag

Io credo che vada superato l’assetto bicamerale ‘originario’: è un problema di cui parliamo dagli Anni 70.

E, sempre dagli Anni 70, credo che il Senato debba avere una funzione Federale, cioè debba esprimere e dirimere le competenze incrociate tra Stato e Regioni, ovvero tutelare i diritti essenziali e le autonomie locali.

Dunque, il problema non dovrebbe essere la modalità di elezione del Senato o la sua interazione con la Camera, che in un modo o nell’altro non potrebbero essere molto diverse dalla legge in questione.

Il vulnus è come vanno a costituirsi le maggioranze alla Camera, visto che è proprio questo aspetto che ha avvantaggiato notevolmente PD, SEL e Cinque Stelle alle ultime elezioni (con una norma incostituzionale): attualmente si governa con meno del 20% dei consensi totali e questo potrebbe amplificarsi alle prossime elezioni consegnando la nazione (si spera di no) ad una pattuglia di sprovveduti, furbacchioni od autoritari.

A latere, per buona parte della seconda repubblica votammo con una legge elettorale incostituzionale e che da tre anni ne siamo parzialmente senza: se “fermiamo la legge elettorale” e casca Renzi le cose sono due e solo due: o andiamo a votare con il Mattarellum oppure la riforma la farà non un governo e non le Camere, bensì i ‘tecnici’.
L’ultima volta era Mario Monti, prim’ancora Giuliano Amato …

Serve cautela nel porre i quesiti e cautela nell’eventualmente aggredirli.

Demata

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: