USA: in isolamento per decenni. La storia dei Tre di Angola e di Mumia Abu-Jamal

10 Giu

Free Angola ThreeRobert King Wilkerson, ai primi dei ’70, era un promettente pugile e prossimo futuro padre, ma anche un afroamericano violento, quando – incarcerato per una soffiata estorta con la violenza – entrò a far parte delle Black Panthers.
Nel 1972 fu spostato nel carcere di Angola (Lousiana) e, solo per essersi proposto di assistere legalmente un altro detenuto, fu immediatamente posto nelle  ‘segrete’ del carcere, chiamate ‘Red Hat’, e dopo in isolamento.

Herman Wallace 1972Albert Woodfox e Herman Wallace erano anche loro condannati per rapina e, durante la detenzione, erano entrati a far parte delle Black Panthers, operando nel carcere come attivisti dei diritti civili.
Nel 1972 vennero accusati senza alcuna prova materiale (fonte Amnesty International) per l’assassinio di una guardia penitenziaria di 23 anni,  Brent Miller, e, pur essendo arrivato nel penitenziario a fatto compiuto, anche Robert King Wilkerson venne collegato all’omicidio.

Così divennero i Tre di Angola (Angola Three), anche se – facendo esplicito riferimento alla discriminazione razziale, alla cattiva condotta dal pubblico ministero e alla difesa inadeguata – i giudici statali e federali hanno ribaltato per tre volte le sentenze di Woodfox, mentre il caso di Wallace è stato diverse volte oggetto di revisione dinanzi ai tribunali federali.

In barba ad ogni istanza e richiamo costituzionale affinchè la corte (popolare) giudicasse equamente gli Angola Three, Robert King  ha vissuto isolato e con una sola ora d’aria al giorno fino al 2001, quando è ritornato libero, Woodfox e Wallace rimasero in isolamento totale fino al 2008, quando ottennero una forma di detenzione ordinaria.

Albert Woodfox 1972Wallace è stato rilasciato nel 2013 per motivi di salute per tre giorni  dopo di tumore. Woodfox uscirà, sessantottenne, tra pochi giorni, grazie ad una sentenza di un magistrato federale, che ha sottolineato «la scarsa fiducia della Corte nella capacità dello Stato di assicurare un terzo processo equo» all’ex Pantera Nera.

Ancora oggi, presso la corte di Baton Rouge in Lousiana, pende un’istanza costituzionale per trattamento crudele e disumano ai danni dei Tre di Angola.

Gli  Angola Three non sono  affatto i soli attivisti afroamericani  che – con processi dubbi e diverse revisioni  delle  sentenze – continuano a marcire nelle carceri statunitensi.

Il più famoso di  tutti è  Mumia  Abu Jamal, la cui condanna a morte del 1982 a morte per l’uccisione di un poliziotto è stata Nel luglio 1982 fu condannato alla pena di morte, annullatagli solo nel 2008, nonostante fin dal 1999 un anziano sicario, Arnold Beverly, aveva confessato l’omicidio in un quadro di collusioni tra polizia e mafia.

Fino al 2008, per ben 26 anni, ha vissuto nel braccio della morte ed, ancora oggi, Mumia Abu-Jamal è detenuto presso la Restricted Housing Unit nella Mahanoy Facility in Frackville, Schuylkill County, Pennsylvania.

Free Mumia Abu-Jamal

Demata

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: