Pronto soccorso nel Lazio allo sbando: Cinque Stelle denuncia

14 Feb

Secondo alcuni studi della Task Force Sanità del Gruppo Consiliare Movimento Cinque Stelle della Regione Lazio,  gli accessi ai pronti soccorsi che potenzialmente potrebbero essere dirottati presso un qualche tipo di assistenza territoriale sono sono  ben 1,5 milioni, ovvero ben il 75% del totale.

top-10-scary-medical-malpractice-cases_flash

Incredibile a dirsi, il paziente che ‘accede’ è spesso affetto da patologia cronica o non autosufficiente, ovvero dovrebbe già avere una struttura di riferimento territoriale che evita tali urgenze, predisponendo ed attuando un piano terapeutico od un protocollo.
“Tali pazienti influiscono pesantemente sul tempo di attesa presso il pronto soccorso e rappresentano generalmente l’inappropriatezza dell’emergenza che deve essere assorbita e fronteggiata mediante l’intermediazione di due interlocutori fondamentali: il medico di medicina generale e la struttura territoriale.”

Detto in parole povere, i nostri pronti soccorsi sono saturi di persone che non dovrebbero essere lì, ma dal medico di base o dallo specialista di riferimento, e che spesso vengono respinti o vanno via ‘motu propriu’ dopo lunghe attese e l’inappropriatezza sistemica è nella “rete di intermediazione tra il medico di medicina generale, tra la struttura territoriale e tra la rete ospedaliera nonché dell’emergenza.”

Questo comporta quasi 29.000 casi di incapacità ricettiva con trasferimento ad altro istituto e, secondo le stime dei Cinque Stelle, quasi la metà delle persone che ricorrono ad un pronto soccorso potevano andare altrove.

Una filiera gestionale delle urgenze mediche che dovrebbe iniziare, come altrove e dovunque, dal ‘medico di base’, che – ricordiamolo – è anche un chirurgo e può tranquillamente metterci due punti di sutura o incidere una pustola o tamponare una leggera storta, ma soprattutto potrebbe smistarci direttamente all’ambulatorio … oltre a prevenire le urgenze visto che gestisce direttamente i piani terapeutici dei malati cronici …

Ovviamente, con tre ore di apertura di ambulatorio, 1500 assistiti, l’inesistenza di sistemi informativi che permettano di prenotare o consultare direttamente i siti di cura, stipendi ‘da fame’ (rispetto ai fortunati colleghi dei policlinici e degli apparati) mentre c’è da pagare affitto, utenze e dipendenti … non è che i nostri medici di base possano fare miracoli.

originale postato su demata

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: