Arriva Montezemolo, ritorna la Democrazia Cristiana?

24 Mag

Mentre Berlusconi esclude una «ricandidatura a premier» – lasciando intendere che gli basterebbe un posto in Parlamento, ovvero mantenere l’immunità – e mentre il coordinatore del PdL Bondi presenta (di nuovo) le dimissioni, ecco che arriva il “pale rider” Luca Cordero di Montezemolo a raccoglierne l’eredità a Centrodestra.

Un Centrodestra piuttosto particolare, praticamente la Democrazia Cristiana, visto che è alquanto difficile che ‘un Montezemolo’ possa accomunarsi con la Destra postfascista o neo fascista. Come è altrettanto difficile che la nuova formazione politica avrà un “qualcosa di liberale”, visto che la “nuova Democrazia cristiana’ è un progetto da lungo tempo incluso nelle priorità dell’Opus Dei. Il tutto in nome di un ‘bipolarismo’ che tale non è, se la Destra è cattolica anzichè liberale e se i Cattolici son di ‘destra’, anzichè ‘moderati’ come dovrebbero.

Dunque, il nostro ‘esaltante’ sistema politico si sta preparando a propinarci un revival degli Anni ’50, con Camillo Montezemolo e Peppone Vendola a confrontarsi per la premiership del parlamento e del paese.

Una concezione degli italiani e della politica piuttosto rudimentali, che corrisponde all’unica dialettica ammissibile in una monarchia assoluta come il Vaticano, “sanfedisti contro giacobini’, ed all’unica ammissibile da chi ha subito un ultraventennale indottrinamento comunista, ovvero ‘ricchi contro poveri’.

Il tutto in un paese che, secondo le statistiche ONU, presenta uno dei più bassi differenziali al mondo tra i redditi dei propri cittadini (fonte Income inequality in the World (Gini coefficient) 2007-2008) ed uno dei redditi procapite più elevati (fonte Fondo Monetario Internazionale 2010). Ma anche la nazione dove il 36,8% dei cittadini si reca in Chiesa la domenica o piú volte nella stessa settimana e dove il 99% dell’elettorato di destra si dichiara fermamente cattolico (fonte Rapporto Italia Eurispes 2006).

Un elettorato cattolico che, se concentrato in un solo aggregato politico, era nel 2006:

  • favorevole al finanziamento della Chiesa da parte dello Stato (79%),
  • favorevole all’intervento della Chiesa sulle questioni politico-sociali italiane (>50%), 
  • contrario al divorzio (34,5%);
  • contrario all’aborto in caso di violenza sessuale (38,1%),
  • contrario alla fecondazione assistita (41,3%)
  • contrario all’eutanasia (44,6%)

Tutta brava gente, che va in Chiesa la domenica o piú volte nella stessa settimana (36,8%), ma, sicuramente, dalle idee un po’ retrò.

D’altra parte, cosa altro aspettarsi, se i dati sull’istruzione degli italiani (Indagine Eurostat 1999) ci raccontano che, esaminando la ripartizione della popolazione fra i 25 e i 64 anni nei paesi dell’Unione, si osserva che in Italia oltre la metà della popolazione (54%) ha solo la licenza media, mentre nel Regno Unito questa percentuale scende al 19% e in Germania al 14%.

Per quanto concerne l’istruzione secondaria superiore, solo il 34% degli italiani completa gli studi, mentre Austria (68%), Germania (61%) e Regno Unito (57%) hanno standard pari quasi al doppio.  Solo l’11% della popolazione italiana, infine, consegue la laurea, rispetto al 27% dell’Olanda, al 17% di Spagna e Danimarca e al 16% del Lussemburgo.

Se si vanno ad esaminare le statistiche per sesso, la quantità di maschi italiani tra i 25 e i 64 anni con solo la licenza media tende al 70% dei cittadini-elettori; se analizziamo quelle delle lauree per tipologia, meno del 5% degli italiani ha, sulla carta, una formazione scientifica adeguata.


E, così andando le cose, dopo il finto liberalesimo berlusconiano e la finta socialdemocrazia dalemiana, si ritorna  a don Camillo e Peppone,  sanfedisti e giacobini, patrizi e plebei,  ricchi e poveri.

Eh già, perchè questa è la ‘fine’ a cui porta un sistema bipolare ‘perfetto’ in una nazione dove la fazione è norma e dove, grazie alla nostra ‘santa’ Costituzione, sono sovrani tutti e tutti insieme: popolo (art.1), Stato e Vaticano (art.7), Regioni (Titolo V), banche (vincolo di bilancio), sindacati (art.39).

Tirare a campare: ovvero sperare che i soliti noti riescano a ‘trasformarsi’ bene, così, almeno, dal loro lauto banchetto potrà arrivare qualche briciola anche a noi, loro contemporanei.

Lasciando sempre meno e sempre peggio ai nostri figli …

Esattamente il contrario di quanto predicano Libdem, Verdi, estrema Destra e Piraten in Europa, raccogliendo consensi a mani basse tra i giovani e gli esclusi.

Dunque, per quanto la costituzione di un polo elettorale ‘cattolico’ appare ineludibile – sia per senso della realtà sia perchè fattore di stabilizzazione – e nonostante la discesa in campo di Luca Cordero di Montezemolo sia da salutarsi con gaudio – essendo ‘di per se’ elemento di novità e rinnovamento – resta piuttosto oscura la previsione, in prospettiva, di una ‘saldatura’ tra grande impresa e corpo elettorale cattolico, come nel Dopoguerra.

I motivi sono ovvi ed evidenti, a partire dall’esito terribile dell’esperienza consociativa italiana, il terrorismo politico e lo stragismo mafioso, che sono ancora dietro l’angolo, come dimostrano i fatti degli ultimi mesi.

Ma non solo, se consideriamo come reagirebbe questo l’elettorato cattolico dinanzi alla legalizzazione ed alla fiscalizzazione delle droghe, unico mezzo di contrasto al sistema mafioso, all’emersione delle “zone grigie” del sistema fiscale, ovvero consorzi, cooperative e onlus, alla ristrutturazione del sistema sanitario, che coinvolgerebbe i tanti medici e le tante strutture ‘cattoliche’, alla valorizzazione della cultura scientifica, nel sistema di istruzione e nella televisione di Stato, alla valorizzazione del patrimonio culturale del Meridione, che toglierebbe risorse e flussi turistici ai beni monumentali del centro Italia.

Ben venga Montezemolo, ma la vecchia DC lasciamola da parte.

originale postato su demata

Annunci

Una Risposta to “Arriva Montezemolo, ritorna la Democrazia Cristiana?”

  1. fabrizio60 maggio 24, 2012 a 10:04 am #

    Se il futuro del centro-destra è un insignificante personaggio come Montezemolo, prevedo un radioso futuro per la sinistra e un esuberante numero di astensioni nella destra, anche èerchè il tempo del “turiamoci il naso e votiamo DC” è passato da almeno 25 anni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: