2011, un anno memorabile

29 Dic

Il 2011 passerà alla Storia come “Year of Rage”, l’Anno della Rivolta.
Tunisia, Libia, Egitto, Siria: nulla sarà più lo stesso. Anche se non dovesse arrivare la democrazia occidentale, la gente si è sollevata contro i tiranni, usando internet e praticamente senza le solite violenze di piazza “contro il potere”.

Anche in questo, venti a passa anni fa, aveva avuto paradossalmente ragione Saddam Hussein chiamando la Guerra del Golfo “la madre di tutte le battaglie”, sia come confronto armato tra due mondi sia come fine delle oligarchie postcoloniali.

Masse, che sono insorte in tutto l’ex Impero Ottomano, non giovani “intellettuali”, che cercano di bloccare le City dell’Occidente e non le “classi lavoratrici”, ormai rassegnate al tramonto del “Sole dell’Avvenire”.

Il 2012 che ci attende non sarà facile, dopo un anno “memorabilis” come quello che è trascorso, tra i traumatici assestamenti nei paesi delle sollevazioni, ma, soprattutto, per l’incapacità sopraffina dell’Occidente di leggere le nuove matrici e le future trame.

Un mondo incomprensibilmente nuovo e cripticamente antico, questo è quello che ci annuncia questo avvio di millennio.
Un mondo incomprensibile ed incontrollabile per chi volesse leggerlo con le ottiche e le ideologie del Novecento.

originale postato su demata

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: