Il lunedì nero di un’Italia delusa e deludente

11 Lug

Dopo il venerdì nero, con la Borsa italiana che aveva ceduto oltre il 3, 24%, arriva il lunedì nero di Piazza Affari, con una perdita che si aggira intorno al 4,5%, per un totale in rosso di circa l’8% in due giorni effettivi.
I dati parlano chiaro, Intesa, CIR e Unicredit cedono rispettivamente il 6%, il 7,55% ed il 4,75%, Mediobanca e Telecom Italia sospendono il titolo per eccesso di ribasso.
Ed anche i commenti non solo lusinghieri, se la Merkel esordisce con un “piena fiducia all’Italia”, dopo aver dato “piena fiducia” a Portogallo, Irlanda, Spagna e Grecia … una fiducia che lo stesso Presidente Giorgio Napolitano condiziona ad un “se siamo seri, non ci dobbiamo preoccupare”.

Chi si preoccupa è Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria: «In un momento difficile come questo, dove tutti i Paesi europei, e anche l’Italia, sono chiamati a gestire situazioni complesse anche per le turbolenze dei mercati finanziari, credo sia opportuno riunirsi intorno ai simboli del nostro Paese e lavorare tutti assieme nella stessa direzione per difenderlo e costruire un futuro migliore per i nostri figli».
E come non potrebbe, se i segnali sono precisi ed incontrovertibili.

Da Luca di Montezemolo, che aveva commentato le misure di Tremonti definendole un “minimo sindacale”, a Calderoli, che in un momento simile pretende di spostare a Monza tre ministeri (Economia, Semplificazione e Riforme), per non parlare dell’asse Pd e Udc, che ritiene questa manovra sostanzialmente soddisfacente.
Oppure il Brunetta dell’altro ieri e dei tagli alla spesa per la Funzione Pubblica, che ammonterebbero a soli 600 milioni nonostante la forte incidenza sul deficit, oppure, ancora, l’ostinazione a non riformare il sistema delle Regioni e delle Provincie, che, oltre ai noti dissesti e disservizi, ci costa un’enormità di risorse, assorbite dalla politica, ovviamente, visto il notevole numero di addetti.
Per non parlare degli Enti, che hanno tutti rilevanti oneri per pagare il consiglio di amministrazione, il personale e mica troppo altro, oppure delle pensioni, che sono intaccabili, se di 1.400 euro, ed intoccabili, se oltre i 2000 euro al mese.
Per finire agli scellerati tagli sulle scuole (ormai siamo ad 1 solo bidello per 100 alunni), all’oblio delle politiche giovanili (come se il futuro appartenesse ai nostri sessantenni di partito), all’assenza di interventi strutturali (in un paese che cade a pezzi).

E’ evidente che la finanza internazionale dubiti a fronte di manovre, che continuano a raschiare il fondo del barile senza riforme e senza innovazioni, e di prebende, che continuano ad esistere, come le pensioni d’annata, le quote latte, il costo della politica, l’inefficienza pubblica.

Certo, come ricorda il Presidente Napolitano, “serve coesione nazionale”, ma, forse, avremmo bisogno di un altro parlamento, eletto con nuove regole, e di altri governi nei ministeri come nelle regioni.

Non è un caso che l’Italia di Bersani, Tremonti, Bossi, Casini e Berlusconi ha la “piena fiducia” di Angela Merkel, ma probabilmente non quella degli italiani  a cui , incredibile ma vero, avevano annunciato, solo poche settimane fa, un taglio delle aliquote fiscali e/o una sorta di patrimoniale …

leggi anche Bozza Tremonti: una presa in giro?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: