Salvate Sayed Perwez Kambaksh!

1 Feb

Perwez
Un  giornalista afgano, Sayed Perwez Kambaksh, è stato condannato a morte per blasfemia.
Il giovane 23enne è colpevole di aver distribuito all’università di Balkh un articolo, scaricato da Internet, “irrispettoso dell’Islam”.

La mancanza di rispetto, contenuta nel testo e meritevole di morte, consiste nell’affermazione che le parole del profeta Maometto sono travisate da coloro che affermano che il Corano giustifica la sottomissione delle donne.

L’articolo, scaricato e diffuso dal Kambaksh, è altrettanto liberamente diffuso in numerosi Stati Islamici.

The Indipendent ha lanciato una petizione internazionale.

Vogliamo abbandonare Kambaksh, l’Afganistan e Karzai ai ricatti di invasati, assassini e predatori solo perchè l’invasione l’ha fatta Bush?

11 Risposte to “Salvate Sayed Perwez Kambaksh!”

  1. Antonio Cracas febbraio 1, 2008 a 5:59 pm #

    Certo, condivido la tua riflessione.
    Oramai è evidente, anche agli occhi dei più sciocchi, che molti di coloro che si vantano di essere socialmente impegnati, e che si ergono a paladini dei diritti umani, lo sono quando gli fa comodo ideologicamente: e questo, a mio modo di vedere, è il grande problema della sinistra, in generale. La loro ipocrisia è oramai palese: pacifisti se c’è di mezzo Nato o Usa e paladini dei diritti umani solo dove non vi è un regime comunista o un regime islamico, attuale loro alleato, nella guerra agli odiatissimi yankees.
    Non so tu, ma io francamente provo nausea di fronte a coloro che in continuazione predicano bene e di fatto razzolano peggio di quelli che normalmente criticano. Tuttavia è così, c’è poco da fare, sovente sono gli stereotipi a prendere il sopravvento sulla realtà delle cose. Ci vorranno ancora molti anni prima che pacifismo, libertà e giustizia non vengano riconosciuti come meriti esclusivi di una certa ideologia politica. Purtroppo non è neanche bastato che la storia lo dimostrasse: per alcuni, il muro di Berlino è ancora un baluardo per la libertà ed i diritti civili, mentre l’America è ancora il nemico da combattere, sempre e comunque, basta chiederlo a Diliberto & C.
    Un saluto.
    Antonio

  2. bourbaki febbraio 1, 2008 a 6:32 pm #

    grazie per la segnalazione!
    bourbaki

  3. irenespagnuolo febbraio 1, 2008 a 8:11 pm #

    Grazie per la segnalazione, concordo.

  4. demata febbraio 1, 2008 a 11:19 pm #

    Grazie per la visita … non ho quasi mai commenti.
    :))

  5. Fino febbraio 2, 2008 a 8:02 am #

    Concordo con quanto scrivi. Questa è un abattaglia di civiltà.
    Ciao, Fino

  6. Anonimo febbraio 2, 2008 a 8:14 am #

    Mi sembra che l’invasione di Bush non abbia cambiato le cose. Non basta cambiare gli uomini, bisogna cambiare la religione. Chi afferma che il Corano giutifica la sottomissione delle donne ha perfettamente ragione e Perwez ha torto. Perché tollerare un’ideologia violenta e razzista che lapida, impicca e discrimina?
    dragor (journal intime)

  7. demata febbraio 2, 2008 a 8:52 am #

    Ciao Dragor.
    Io dico che si va lì perchè l’abbiamo sempre fatto: siamo Europei ci piace la Libertà.
    Discendiamo da Rom e Vichinghi, i popoli degli “Uomini Liberi”: è la nostra linea di “evoluzione culturale”, non possiamo rinuciarvi.
    Quanto all’Islam, ho letto il Corano ed è bello “tosto” per noi “infedeli”.
    Però ci sono scritte anche:
    “Se provate avversione nei loro confronti, può darsi che abbiate avversione per qualcosa in cui Allah ha riposto un grande bene.”
    (come dire il fiore del Creato …)
    “A parte ciò, vi è permesso cercare [mogli] utilizzando i vostri beni in modo onesto e senza abbandonarvi al libertinaggio. Così come godrete di esse, verserete loro la dote che è dovuta. Non ci sarà alcun male nell’accordo che farete tra voi oltre questa prescrizione.”
    (anche la donna che “si fa pagare” è messa in regola …)
    Il problema è che in determinate realtà, nel corso dei secoli, si sono affermate “tradizioni” che attingono da usanze tribali o comunque ataviche.

  8. luigi febbraio 2, 2008 a 12:42 pm #

    hai fatto bene a segnalare questo episodio demata. Merita attenzione e merita sostegno Perwesh. Ed haI ragione anche nel sottolineare che è ininfluente lì ci siano gli USA. Una riflessione però si impone sul metodo per conseguire un obiettivo giusto se fino ad ora quel medesimo metodo ha dimostrato di non essere efficace.
    E questo, come tanti altri, è un problema intorno al quale, chi vuole lodevolmente occuparsene, sarebbe opportuno non avesse pregiudizi ideologici di alcun tipo e perchè certi tempi sono finiti e, soprattutto, perchè non serve a nulla.
    luigi

  9. Artemisia febbraio 2, 2008 a 1:52 pm #

    Grazie per la segnalazione. Ho firmato la petizione. Ciao,

  10. Anonimo febbraio 2, 2008 a 5:58 pm #

    Si’, Demata, un testo sacro che si rispetti deve dire tutto e il contrario di tutto in modo da avere sempre ragione. Nel caso del Corano, i versetti più moderati (ante-egira) sono automaticamente abrogati da quelli violenti (post-egira) perché più recenti. In caso di contraddizione, dice l’hadith, prevale la surah più recente. Quindi un’interpretazione corretta dell’islam non puo’ che essere in senso estremista. Cosa che del resto era nell’interesse di Maometto, un ladro, assassino, stupratore e pedofilo che si è costruito una religione esclusivamente per proteggere i suoi sordidi interessi, come Berlusconi che si fa le leggi su misura. Ma ovviamente una religione è più autorevole perché si presume che sia discesa dall’alto…
    In ogni caso sembra che il governo afghano stia facendo marcia indietro
    Ciao, buona serata, a presto
    dragor (journal intime)

  11. Stefano febbraio 4, 2008 a 1:41 pm #

    Sono completamente a favore quando c’è da salvare una vita umana… la religione dovrebbe essere un modo di esistere che accomuna ed eleva l’essere umano alla pienezza. Distorcere qualunque religione con guerre ed impiccagioni, deraglia le migliori intenzioni come è successo per le (purtroppo) tante dittature ed estremismi politici della storia…

Rispondi a Antonio Cracas Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: