Fabbrica del Programma … e del consenso

16 Lug

Un bimbo, giocando vicino al fiume, vide un uomo che stava annegando e lo salvò.

L’uomo ringraziò.
Pieno di gratitudine disse anche:«Sono il Ministro delle Solidarietà di questo paese. Dimmi che cosa vuoi, qualsiasi cosa, e cercherò di accontentarti».

Il bimbo lo guardò titubante e poi sorrise: «Sembri una brava persona e non voglio nulla», aggiungendo poi titubante, «Però non devi dire a mio padre che ti ho salvato».

La barzelletta, di vecchia memoria, andrebbe estesa anche alla Sanità ed alla Famiglia.

Con il governo uscente qualche pensionato vide qualche Euro in più, qualche disoccupato ottenne almeno un lavoro interinale, qualche clandestino fu respinto alla frontiera e qualche spacciatore di strada finalmente conobbe il carcere.
Non che fosse molto e non che fosse tutto condivisibile, ma c’era una politica e c’era un programma.
Oggi, a leggere i giornali, no: tanti provvedimenti annunciati, conferenze e commissioni, ma non leggi o decreti e le Regioni spendono e firmano mutui senza batter ciglio.

Mi si perdoni l’irriverenza, ma il quesito è d’obbligo: il Programma, quello fatto in Fabbrica, era solo per il volantinaggio a breve termine?

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: